• info@lucaghegin.it

Tag Archives: rally

Ghegin-Passeri ripartono da Scorzè per il “Trofeo Pirelli” e “R Italian Trophy”

L’anno del covid ha creato non pochi problemi alla vita sulla terra e all’economia mondiale.

Questo secondo aspetto, oramai, sembra risultare quasi più grave rispetto al virus vero e proprio, nonostante i contagi siano esistenti, ma con una bassa incidenza rispetto al numero degli italiani.
Il problema relativo all’aspetto economico mondiale si è riversato anche nello sport in generale.


Il Rally di Scorzè è uno fra i primi rally nazionali che hanno potuto riprendere l’attività, e gli aspetti burocratici hanno creato non pochi problemi all’organizzazione oramai collaudatissima.

Luca Ghegin e Ivano Passeri riprendono il loro impegno di piloti non perdendo di vista quello lavorativo. Quest’anno i campionati sono ridotti, per cui tutto si dovrà giocare in pochissime riprese, e gli avversari non mancano. Quest’anno l’equipaggio sara’ impegnato in due trofei , quello del produttore Pirelli e l’ R Italian Trophy relativo alla categoria , con un montepremi da non sottovalutare.

Luca Ghegin : “ Sono contentissimo di poter riprendere a gareggiare, la situazione generale non e’ per nulla facile ! Faremo come sempre del nostro meglio appoggiati da Engine sport nella persona di Ivano Cenedese e da Ivan Curto per la parte tecnica. In questo team è nato un rapporto favoloso, ed è quello che serve per poter far bene in questo sport . Ringrazio i miei sponsor: Tirali Quinto e Libro e Libri , nonché il Marketplace Gheginonline.it con quest’ultimo ci stiamo espandendo a livello nazionale ed europeo per la vendita online con ben 150.000 articoli disponibili.
Mi preme comunicare inoltre che ci sono altri due membri della mia famiglia che gareggeranno, mio figlio Filippo con De Stefani alle note, alla sua prima gara con una piccola Fiat seicento, ed Elisa , che assieme al fidanzato Luca Sandrin porteranno in gara una fantastica Honda civic Type R. Speriamo di vederci tutti insieme all’arrivo, sarebbe fantastico!

PROGRAMMA

Apertura iscrizioni: Giovedì 3 luglio 2020 dalle 08.00

Chiusura iscrizioni: Mercoledì 22 luglio 2020 alle 24.00

Distribuzione Road Book Venerdì 31 luglio 2020 dalle 08.30 alle 12.00Municipio di Scorzè – P.zza A. Moro – Scorze’ (Ve) Distribuzione Accrediti, targhe e numeri di garain Via Roma, 38 Scorze’ (Ve) Sabato 01 agosto 2020 dalle 08.30 alle 12.00

Apertura ingresso Parco Assistenzain Via 4 Novembre a Scorzè Sabato 01 agosto 2020 dalle 08.00 Verifiche Sportive solo piloti stranieriMunicipio di Scorzè – P.zza A. Moro – Scorze’ (Ve) Sabato 01 agosto 2020 dalle 08.30 alle 12.00

Verifiche Tecniche

Parco assistenza Sabato 01 agosto 2020 dalle 08.30 alle 12.00 Ricognizioni autorizzate con vetture di serie: Venerdì 31 luglio 2020 dalle 09.00 alle 12.30 dalle 14.00 alle 17.00

Partenza prima vettura via 4 Novembre – Scorze’ (Ve) Domenica 02 agosto 2020 alle 09.00 Arrivo prima vettura in via Roma a Scorze’ Domenica 02 agosto 2020 alle 16.20

Tipologia: Rally Nazionale con fondo asfalto Validità: Campionato COPPA Aci Sport di Zona coeff. 1 Trofeo Italia Clio R3C/R3T Trofeo Italia Twingo R1/R2 Campionato ALPE ADRIA RALLY CUP ALPE ADRIA RALLY TROPHY R Italian Trophy Trofeo Rally ACI VICENZA 2020

Lunghezza totale: Km. 96,50

Lunghezza totale Prove Speciali: Km. 38,40

SHAKEDOWN Km. 1,700 Sabato 01 agosto 2020 dalle 12.00 alle 15.30

Prove Speciali Domenica 01 agosto 2020 P.S. 1 – 3 – 5 Km. 3,800 dalle ore: 09:24 P.S. 2 – 4 – 6 Km. 9,000 dalle ore: 09:48

Premiazione Via Roma – Scorze’ (Ve)Domenica 02 agosto 2020 alle 16.20

Pubblicazione classifiche ufficiali Direzione Gara – Piazza A. Moro 1 – Scorzè (Ve) Domenica 02 agosto 2020 alle 17.10

2° posto rallentato per Ghegin – Passeri al San Martino di Castrozza

Anche questa edizione del rally di San Martino di Castrozza 2019 è andata in archivio. Un rally che ha visto tagliare il traguardo solo 67 equipaggi degli 86 verificati . Un rally che come ogni anno riserva sorprese meteorologiche, un rally vecchio stampo , dove la lunghezza delle prove e le altezze, mettono a dura prova i mezzi, e i piloti più esperti. Anche quest’anno Luca Ghegin con Ivano Passeri tagliano il traguardo in seconda posizione di categoria, seppur con un certo amaro in bocca . Nel primo passaggio sul Passo Manghen (2047 mt.) l’equipaggio accusava un notevole ritardo, dovuto alla quota, infatti a causa di una carburazione del motore non adeguata Luca Ghegin perdeva più di 20 secondi sul diretto avversario . Sfortuna vuole poi, che nel passaggio sul passo Broccon (Malene) viene sospesa la prova a causa di un incidente ad un concorrente, per cui un tempo imposto fa perdere ulteriori secondi sul diretto avversario . Nei due passaggi del Passo della Gobbera (988 mt.) invece, dove non si saliva in quota, l’equipaggio conferma la prima posizione, a dimostrare che la potenzialità c’e’ tutta ! La ripetizione del Passo Manghen creerà ulteriori differenze sui tempi, per cui l’equipaggio ha optato per portare a casa un secondo posto.

Luca Ghegin:” …..peccato mi sarebbe piaciuto combattere senza sorprese, come al Rally della Marca Trevigiana , ma in questo rally un aspetto tecnico ci ha escluso dai giochi , quando salivamo in quota l’auto risultava più lenta nell’erogazione per cui non potevamo fare nulla . Prababile sia una programmazione della centralina del motore che non prevedeva altezze oltre una certa soglia . Vabbè,… non si finisce mai di imparare e scoprire nuovi aspetti tecnici , comunque ci siamo divertiti.



Rally San Martino di Castrozza appuntamento imperdibile per Ghegin-Passeri

La prima edizione del Rallye di San Martino di Castrozza risale al 1964. L’idea di organizzare una manifestazione automobilistica con epicentro San Martino scaturì dall’ incontro di due appassionati: l’avvocato Luigi Stochino e il conte Pietro Bovio, presidente dell’Azienda Autonoma di San Martino di Castrozza, uniti nella professione di avvocato.

Punto di riferimento S. Martino di Castrozza che per quattro volte era attraversato dalla corsa. Sessantaquattro gli equipaggi partecipanti di cui 34 arrivarono alla fine; vincitori Cavallari e Munari su Alfa GT. Generale l’entusiasmo, anche dei piloti che avevano manifestato prima della gara le loro perplessità per la lunghezza del percorso e il suo ritmo.

Il 1963 fu dedicato alla ricerca del percorso. Nel 1964 il rallye fu pronto; il percorso prevedeva 1600 chilometri snodantisi nella suggestiva cornice delle Dolomiti lungo i quali le strade sterrate si intrecciavano e si confondevano con il paesaggio.

Subito dopo il 1° Rallye ancora nel 1964 si diede vita ad un Challenge Internazionale: la Mitropa Cup; inizialmente per Italia, Austria e Germania, poi estesa anche a Ungheria, Polonia, Slovenia e Repubblica Ceca. La prima edizione del 1965 fu vinta dagli austriaci Romberg-Ferner.

La Mitropa Cup è ora giunta alla 33° edizione. Il Rallye di San Martino di Castrozza può quindi essere considerato l’antesignano del nuovo rallismo italiano. La nuova formula si impose e sorsero successivamente altre manifestazioni (il Rallye dell’Elba, il Rallye delle Alpi Orientali, ecc.)

Ma il successo di una manifestazione tanto affascinante impose problemi di sicurezza. Non esistendo una normativa italiana in materia, gli
organizzatori tramite la C.S.A.I, provvidero prontamente alla stesura di un rigido regolamento che tutelasse la sicurezza dei partecipanti e degli appassionati; regolamento che solo in un secondo tempo entrò a far parte integrante del Codice della Strada.

Per ribadire l’importanza che le condizioni di sicurezza rivestivano nell’ambito di gare di questo genere e per evidenziare tratti inediti e aspetti suggestivi della manifestazione oltrechè per pubblicizzare la nuova formula rallistica, venne realizzato dal Comitato Organizzativo del Rallye di San Martino nel 1968 un filmato che, inviato al 25° Festival Internazionale del Documentario Sportivo di Cortina d’ Ampezzo, fu proclamato vincitore assoluto. Le edizioni del Rallye si susseguirono ininterrotte fino alla 14° nel 1977.

La manifestazione scalò tutti i gradi di validità internazionale raggiungendo prima il campionato europeo, poi il campionato mondiale conduttori.

3 settembre 2019 – “In un cofano azzurro”, come dice il poeta (Clemente Rebora, ndr), San Martino celebra tra oggi e domani l’ennesimo appuntamento con il Rallye. Il meteo promette sole, asfalto asciutto, condizioni ideali per equipaggi e spettatori sulle prove speciali. Ma si comincia stasera al crepuscolo (start ps 1 alle 19:54) con la prova cittadina, per il terzo anno consecutivo tracciata nelle vie del paese (chiusura strade dalle 17 fino al termine, mezzanotte e dintorni). Spettacolo a portata di turisti e appassionati, come a Montecarlo, e infatti anche qui c’è la “curva del tabaccaio” o meglio lo spigolo del negozio Bancher da sfiorare dopo la derapata e il controsterzo davanti al palco di partenza. Ordine inverso per lo start, così da aumentare emozioni e pathos in un crescendo di prestazioni. Prime al via le vetture dell’Historique: favorito Giorgio Costenaro su Lancia Stratos, messo nel mirino da Lorenzo Delladio su Porsche Carrera, mentre “Tony” Fassina promette solo di “Stratos” divertirsi. Rallye San Martino decisivo per il Campionato Italiano Wrc. Titolo in bilico tra i primi tre in classifica. Domani le auto del Ciwrc partiranno sempre davanti, affrontando un doppio giro sulla ps 2/6 “Manghen” (22,01 km, start ore 9:50 e 15:02), ps 3/7 “Murello” (7,02 km, start 11:01 e 16:13), ps 4/8 “Val Malene” (18,28 km, start 11:30 e 16:42), ps 5/9 “Gobbera” (9,03 km, start 12:13 e 17:25). Solo una volta su “Val Malene” e “Gobbera” perle storiche. Arrivo e premiazioni a San Martino dalle 18:30.

Luca Ghegin: ” Vorrei toglirermi un “sassolino nella scarpa” , rimasto dal Rally della Marca Trevigiana , dove perdemmo la gara per soli 5 secondi a causa di una scelta errata delle gomme . Abbiamo capito che possiamo fare bene , per cui vedremo come andrà questo ennesimo appuntamento .

Al Rally di Scorzè bottino pieno

In archivio anche la sedicesima edizione del Città di Scorzè .

Undicesima piazza assoluta per la Ghegin family, Luca e Elisa, con la Renault Clio R3 seguiti a ruota dai vincitori della tappa del Alpe Adria Rally Cup Bernd Zanon e Denis Piceno con la Renault Clio S1600.

Degli 80 partenti all’arrivo ne sono rimasti appena 50, segno inequivocabile della durezza della gara con un percorso insidioso condito da un gran caldo. Tra i ritiri illustri possiamo annoverare Lino Acco alle prese con un principio d’incendio alla sua Peugeot 208 R5, Alessandro Battaglin e Daniele Tabarelli fermati dalla meccanica delle rispettive Mitsubishi Lancer.

Un gran risultato ! ….. come nel 2018, “la famigliola” composta dal padre Luca Ghegin e la figlia Elisa , hanno conquistato il primo posto riservato alle auto di categoria 2000 cc R3 con un ottimo secondo posto di 2 ruote motrici, undicesimi assoluti e decimi di gruppo R . Da considerare che questo risultato ha visto insediarsi una vettura a due ruote motrici in mezzo a molte vetture a quattro ruote motrici ben più potenti .

Luca Ghegin : ” Un’altra grande soddisfazione, abbiamo eguagliato il 2018, quando feci debuttare mia figlia Elisa, in un suo primo rally, una responsabilità compensata dalla grande soddisfazione nel vedere la sua faccia all’arrivo , poi un grande risultato a coronare questa nostra partecipazione …..

Ghegin – Ghegin Rally Scorze’ …Affari di famiglia!

140.000 articoli online | nautica | elettrodomestici | ompracing | Elettronica | Utensileria professionale | Bricolage | Cartoleria | Casalingo | Arredamneto | giochi | prima infanzia | Tempo libero | Cura animali | Cosmetici | Degustazione


E’ proprio cosi, “l’appetito vien mangiando”, come recita un noto proverbio, e per la figlia Elisa, e’ arrivato il momento di risalire sul sedile di destra. Dopo il debutto dello scorso anno, non vedeva l’ora di riproporsi come navigatrice del papa’ Luca sulla Clio R3C del Team Autocar – Engine.  In questo caso il premio per la maturità conseguita, ma sicuramnete negli anni le scusanti saranno sempre motivo per risalire in auto …. Ivan Passeri per l’occasione, ha lasciato il posto ad Elisa, lo rivedremo a fianco di Luca al San Martino di Castrozza.

Luca Ghegin: ” Chiaro che la colpa è mia, se ora i miei figli vogliono provare la stessa emozione che provo io quando corro, oramai da anni.

Questo sport è un insegnamento di vita, per difficoltà, paure, ansie, riflessioni, decisioni, gioie, dolori, e potrei aggiungere ancora altro. Lo sport in generale aiuta la mente e il fisico, la concentrazione fa crescere, e libera lo spirito, quindi viva lo sport !

La gara, molto particolare per velocità media, tratti sporchi, tagli insidiosi, una gara da non sottovalutare per niente, una gara alla quale sicuramente va dato del Lei.  Contiamo di fare un buon risultato, sperando di non commettere errori banali. L’auto messa a disposizione da Engine ed il Team Autocar è fantastica, speriamo che tutto fili al meglio.

Un ringraziamento agli sponsor : La cappottina – PuliairTirali Quinto – Libro&Libri – Gheginonline.it

Il rally di Scorze’, appuntamento motoristico annuale che richiama spettatori da tutta Italia, e’ stato studiato nei dettagli da persone esperte ed appassionate, senza lasciare nulla al caso .

Programma
Si inizia venerdì conl’arrivo degli equipaggi e la festa in piazza a Scorzè, per poi proseguire sabato con le verifiche sportive, tecniche, lo Shakedown e le prime Speciali. Per poi concludere il week end domenica con le ultime Speciali e la festa del podio

Prove Speciali
60 km di Prove Speciali inedite su fondo asfaltato tra cui Shakedown, Super Speciale nella ex base missilistica e Prove in diurna per un intenso week end di gara

Validità
Coppa Aci Sport di Zona – Campionato Alpe Adria Rally Cup – Trofeo Rally Clio R3 “OPEN” aperto alle vetture Clio R3T e Clio R3C – Trofeo Corri con Clio N3 “OPEN”

TIMETORALLY_PROGRAM_italiano_2019

Tabella Distanze Tempi -SR-1.1-SZ19-rev-3-110719

PS-2-9_rally-Scorzè-2019

PS-1_rally-Scorzè-2019

Elenco iscritti-2019

Ghegin – Passeri al Marca sul filo dei “secondi”

Adrenalina che torna ai livelli di guardia. Luca Ghegin e Ivano Passeri sfida all’ultimo chilometro.

E’ iniziato molto bene questo rally della Marca per l’equipaggio Veneto-Aostano, che fino a due prove dalla fine si trovava in testa alla classifica della classe R3C . In seguito ad una scelta errata della mescola degli pneumatici, l’equipaggio perde tutto il vantaggio acquisito, circa 10 secondi. Alla fine del secondo giro di prove fra Ghegin e Bottoni, la differenza era di 3,7″ secondi, tutto veniva deciso nelle ultime due prove . Alla fine la lotta si chiude a favore dell’avversario,

Luca Ghegin:” Quest’anno potevamo vincere sicuramente , ma purtroppo siamo incappati in un errore strategico, per altro già commesso in passato, che ci ha fatto perdere in due prove più di 10 secondi . Pazienza, sappiamo di essere competitivi, sicuramente più dello scorso anno, grazie anche ad un auto rivisitata da parte del Team Autocar e il patron Engine, che ringraziamo di cuore.

Media ufficiale della Marca Trevigiana

TRINITA’ DEI RALLY. Ora, in primo luogo, un auto elogio rischiando di macchiarsi: “Chi si loda si sbroda”. Tutto ha funzionato a dovere e qualche merito sarà proprio da “addebitare” al Motor Group, che però non agisce da solo, ma mescolando sacro e profano c’è stata la solita trinità rallistica all’opera, con Città di Scorzé e San Martino Corse a dare una mano concreta, tangibile, effettiva, ai padroni di casa con porte aperte e sorriso sulle labbra. 

MONTEBELLUNA OPEN. Ecco, pure questo bisogna sottolineare: per la prima volta il Rally della Marca ha apparecchiato nel salotto di casa e aperitivo (giovedì sotto le stelle), primo piatto (partenza di venerdì), secondo con dessert (sabato arrivo e premiazione), sono stati serviti in ordine ed eleganza, con soddisfazione dei commensali. Difficile ora dire quando ci sarà una replica, pare che amici degli amici vogliano anch’essi una fetta di Marca nel tinello, in taverna, nel patio. Staremo a vedere. 

ELOGIO AGLI INVISIBILI. Per la verità tanto invisibili non sono con la loro casacca gialla. Ma si fa finta di ignorarli, seppure fondamentali per lo svolgimento del Marca (di tutti i rally). I commissari di percorso hanno sfidato la canicola per officiare il loro compito di presidio, qualcuno è anche scivolato dalla postazione procurandosi lievi ferite. L’età media si alza e il rinnovo pare arduo. Prima di catalogarli come specie rara, qui vogliamo semplicemente dire grazie. 

BIG E CONTRO BIG. L’urgenza giornalistica viaggia veloce quasi come le wuerreci e le erre5. Finisce la gara e tutti gli scribacchini battono vorticosamente i tasti del computer occupandosi di podio e top-ten, il resto viene dopo, molto dopo. Solo settimanali e mensili possono rimediare al “vuoto informativo” dell’immediato post gara. Qui correggiamo il tiro mostrando l’intera classifica assoluta e le classifiche di Classe, sottolineando ai (pochi) che non se ne intendono come sia difficile anche per gli addetti ai lavori (tanti) e agli spettatori esperti (tantissimi, quelli esperti eh…) districarsi tra i valori in campo che cambiano con Gruppo di preparazione, Classi di cilindrata, motorizzazione (turbo, aspirato), gomme e budget, dato che tutto il pacchetto di un’auto in gara ha un costo decisamente importante. 

CLASS: R3C  1. Bottoni-Peruzzi (Renault Clio) in 1:29’52.5; 2. Ghegin-Passeri (Renault Clio) a 5.9; 3. Giovani-Aldini (Renault Clio) a 1’54.8; 4. Sorci-Mosele (Renault Clio)

Ghegin-Passeri Dolomiti esplosive !

Voltago, 9 giugno 2019 – ore 15:00

Si è conclusa anche la 4^ edizione di questo fantastico Rally, nella splendida cornice delle Dolomiti . Un Rally affascinante e alquanto impegnativo , nonostante il chilometraggio delle prove non fosse elevato, qualche ritiro, comunque entro la media, lo testimonia. Per Luca Ghegin e Ivano Passeri, al debutto quest’anno nel primo rally di stagione , non sono mancati colpi di scena che li ha tenuti con il fiato sospeso . Dopo la seconda prova l’auto non voleva saperne di andare in moto , a causa di un filo del motorino di avviamento . La prontissima assistenza del Team Autocar risolve il problema e riconsegna l’auto all’equipaggio, con i problemi risolti . L’equipaggio va a vincere quindi la propria categoria R3C , le due ruote motrici , piazzandosi inoltre all’ottavo posto assoluto .

Luca Ghegin : ” Che dire , meglio di così non poteva andare , abbiamo fatto bottino pieno . Da qualche anno, con questo rally, avevamo dei conti in sospeso , in quanto dei problemi ci rallentavano, ora abbiamo chiuso i conti con un buon risultato . Devo ringraziare Engine sport , nella persona di Ivan Cenedese che mi mette a disposizione la sua auto personale , impeccabile ! …non di meno Ivan Curto del team Autoar che la segue in modo altrettanto impeccabile . Eros Rozzi, Beatrice Gorza alla logistica , i meccanici del Team tutti. Un grazie anche agli sponsor Tirali Quinto , La Cappottina, Libro e Libri , che come ogni anno, ci appoggiano.”

L’equipaggio sarà impegnato al rally della Marca previsto per il 29-30 Giugno .





Ghegin-Passeri a Como doppio podio nei campionati

Si è concluso questo  37° Trofeo Aci Como , valevole per il Titolo Italiano WRC  nelle  rispettive categorie .

Fin dalle prime battute , non sono mancati i colpi di scena , dove nella giornata della prima tappa di Venerdì, uno dei pretendenti all’alloro Renault, ha dovuto dare forfait a causa di un guasto ai freni , che ha causato l’uscita di strada , senza conseguenze per l’equipaggio. Si chiude la prima tappa con distacchi risicati , 7 equipaggi racchiusi in 25 secondi . Si riaprono le danze il giorno successivo, e subito nella prima prova esce di scena un’altro equipaggio , in seguito ad una toccata . Le posizioni in classifica iniziano a delinearsi, confermando i nomi di sempre, quelli che per tutto il campionato 2018 hanno combattuto per il posto d’onore, ed ora all’ultima gara, solo un errore potrebbe estrometterli dal titolo.

Luca Ghegin dovrebbe contare solo sull’errore del suo diretto avversario per poter agguantare il gradino più alto del podio , evitando chiaramente di fare errori . Dal momento che i rally si vincono sul palco, indipendentemente dal risultato finale , potevano solo aspettare che gli eventi maturassero , mantenedo un passo sostenuto , senza esagerare . A chiusura un meritato 2° posto nel Campionato Italiano WRC categoria R3 (2000 cc.) e 2° nel Trofeo Michelin sempre di categoria R3.

Luca Ghegin: ” Che dire, un anno fantastico e ricco di emozioni , abbiamo trovato avversari di tutto rispetto , abbiamo sperato fino alla fine , ma anche il titolo di vice campioni non guasta anzi. Tutto rimasto invariato quindi , come da copione . Debbo ringraziare i miei sponsor per l’aiuto , il Team Autocar per l’auto sempre in ordine , Engine per la fiducia riposta in questo programma , la mia famiglia che non manca mai e sopporta , il naviga Ivan Passeri che con passione mi ha accompagnato in questa avventura , mia figlia che quest’anno a debuttato al mio fianco ed insieme abbiamo raccolto punti pesanti per il trofeo Renault .

_____________________________________________________________________________________________________________________________________

Classifica dei campionati :

Coppa Csai Campionato Italiano WRC ciwrc_r3

 

 

 

Elenco_verificati

Ordine_di_partenza

Classifica_assoluta

Classifica_PS1

Classifica_PS2

Classifica_PS3

Classifica_PS4

Classifica_PS5

Classifica_PS6

Classifica_PS7

Classifica_PS8

Classifica_PS9

Rush finale a Como per Ghegin

Image

Sarà una gara da non perdere il Trofeo ACI Como. Una competizione carica di spunti soprattutto sotto il profilo sportivo, con un elenco partenti d’eccezione e l’avvincente sfida scudetto per il CIWRC 2018 nelle rispettive categorie . Sarà un evento solido anche dal punto di vista logistico e organizzativo, in quanto l’Automobile Club di Como ha confermato la struttura delle ultime edizioni.

Il primo appuntamento del programma sono le verifiche tecniche e sportive che si svolgeranno al Driver di Como tra la serata di giovedì 18 e la mattinata di venerdì 19. Sempre nella mattinata di venerdì invece si accenderanno i motori per la fase iniziale di prove. Lo shakedown appunto cambia località e si svolgerà, dalle ore 8:30 alle 9:30 per gli iscritti al CIWRC, nel triangolo lariano tra Gemù di Asso e Sormano per un percorso lungo 2,5 km.

Si inizierà a fare sul serio a partire dalle 14:15 del venerdì, orario indicato per la partenza da piazza Cavour in riva al Lago di Como. Quindi le prime quattro speciali in programma, due tratti cronometrati ripetuti, con la “Nesso-Veleso-Zelbio” (4,70km) [PS1 ore 14:57 | PS 3 ore 17:07] e la “Ghisallo” (10,94 km) [PS2 15:43 | PS4 18:11]. Prima del secondo passaggio ci sarà la “Remote Service Zone” a Bellagio, altra novità del rally.

La giornata decisiva del sabato si basa su altri cinque crono lungo due diverse prove speciali. Si aprirà e chiuderà con la “Alpe Grande” (8,86 km) [PS 5 9:18 | PS7 13:34 | PS9 16:40], ripetuta appunto tre volte e intervallata dalle due ripetizioni della lunga “Val Cavargna” (29,72 km) [PS6 10:10 | PS8 14:26]. Il parco assistenza è stato confermato a Porlezza e sarà attivo in tre occasioni durante la giornata [8:11, 12:27,15:48]. Infine l’arrivo è previsto per le ore 18.01 sempre in piazza Cavour con la cerimonia di premiazione. A seguire la conferenza stampa, aperta anche al pubblico, nell’Hotel Terminus adiacente alla piazza dalle ore 18.30.

Per Luca e Ivano ci sarà la conferma, o meno, per un’ ancora possibile ma difficile, titolo tricolore di categoria riservato alle tutto avanti, per la Coppa Csai di categoria R3 .

Luca Ghegin : ” Non avrei voluto presenziare a Como per una lontana possibilità di vincere il titolo , ma a conti fatti, dal momento che i rally si vincono sulla pedana , indipendentemente dal risultato, ho deciso di esserci . Vedremo che cosà  accadrà a questo Rally di Como .”

Programma Rally di Como-WRC

tabella tempi e distanze -WRC-D

Generale Cartina -WRC

Ghegin – Passeri secondi al San Martino 2018

 

Anche questa edizione del rally di San Martino di Castrozza 2018 si è conclusa nel migliore dei modi . Moltissimi gli spettatori che sono riusciti a godersi lo spettacolo iniziale del 38° Rallye San Martino di Castrozza grazie alla trasmissione della stessa tramite la pagina principale del Campionato www.acisport.it/CIWRC come sulla pagina Facebook ufficiale @acicsai. Le World Rally Car hanno infatti intrattenuto il grande pubblico accorso come sempre numeroso sulle strade della località trentina, ma stavolta a migliaia hanno assistito ai loro passaggi anche tramite lo schermo.

Sono in totale 124.704 le persone raggiunte dalla diretta streaming di ACI Sport con, le visualizzazioni che ad oggi si avvicinano a quota 45.000. Riscontro più che positivo ottenuto anche grazie alle interazioni (circa 4.000) degli appassionati.

Diretta Streaming Pagina Facebook ACI Sport

Persone raggiunte – 124.704

Interazioni – 3926

Clic – 14.729

Condivisione – 510

Visualizzazioni – 43.331

Sono riusciti a vedere il traguardo il 23% degli equipaggi partecipanti , a conferma che questo rally , nella sua durezza, rispetta comunque un’elevata qualità degli equipaggi che hanno raggiunto il traguardo .

Luca ghegin in coppia con Ivano Passeri , non sono riusciti nell’intento di conquistare il primo posto di categoria , confermando comunque un ottimo secondo posto sia nel Trofeo Michelin che nel Campionato Italiano WRC riservato alla categoria 2 ruote motrici R3C .

Luca Ghegin : ” l’incognita gomme ci ha fatto impazzire , comunque il problema era generale , abbiamo potuto contare ancora una volta su un mezzo affidabilissimo e gestito al meglio dal Team Autocar ed Engine . Speravo in un primo posto , ma non siamo riusciti nell’intento di accorgiare le distanze con il nostro diretto avversario, pazienza .  Ora speriamo solo in un suo errore all’ultima gara , diversamente saremo vice campioni .”

ordine_di_partenza_(assoluta)

ps1_classifica_della_ps_(assoluta)

ps2_classifica_della_ps_(assoluta)

ps3_classifica_della_ps_(assoluta)

ps4_classifica_della_ps_(assoluta)

ps5_classifica_della_ps_(assoluta)

ps6_classifica_della_ps_(assoluta)

ps7_classifica_finale_ufficiale